La realizzazione di difese spondali utilizzando legno  esotico duro (principalmente Ekki o Azobè), è frutto della ricerca e dell’esperienza nella gestione dei flussi acquei da parte degli Olandesi.

Iperwood S.r.l. di Ferrara, specializzata in Ingegneria Naturalistica, fin dal 2002 ha stabilito uno stretto rapporto di collaborazione ed, in Italia, è pioniere e leader nel mercato del legno esotico e delle opere da esso costituite.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La durabilità del legno, spesso ritenuta bassa in ambiente aggressivo, è in realtà correlata all’essenza utilizzata. L’utilizzo di essenze esotiche pregiate correttamente dimensionate in base all’ambito applicativo fornisce risultati spesso superiori alle aspettative, mantenendo al contempo un impatto ambientale del tutto sostenibile.

E’ quindi evidente che le varie essenze di legno sono molto differenti tra loro in termini di resistenza fisica e meccanica ed occorre saper scegliere il legno adatto al tipo di opera da realizzare.

L’ Ekki o Azobè, è una essenza esotica NATURALE che può rimanere in acqua per decine di anni senza presentare segni di deterioramenti, attacchi di microorganismi o riduzioni di resistenza.

Il legno Ekki non galleggia visto il peso a m3 di 1160kg, non necessita di impregnanti, di coloranti o altri trattamenti;  L’essenza Ekki o Azobè può essere definito un “LEGNO IDRAULICO” dato che con questa essenza si possono costruire Porte Vinciane, Paratoie, traverse sui fiumi, con la certezza di assenza di manutenzione ed un impatto estetico eccellente!

ATTENZIONE: utilizzare solo ed esclusivamente DURAME di Ekki privo di  difetti, certi di non avere ALBURNO o MIDOLLO

Questo articolo è un approfondimento che permette, anche a un neofita, di scegliere il Presidio di Sponda che più si adatta alle esigenze del sito.

Le tipologie di intervento per presidiare le sponde sono 3:

 

N.1 WATTLE MATTS  –  STUOIE INTRECCIATE

Wattle Matts.jpg

Utilizzo: dove la spinta del terreno è limitata e quando la difesa non è sottoposta a stress meccanici.

E’ il sostegno di sponda più semplice;  viene realizzato utilizzando pali infissi e Pannelli di Stuoie Intrecciate in “durame di  Ekki”.

Nella foto: pannelli intrecciati, preassemblati della lunghezza di 4m che formano la parete verticale. Questi possono essere dotati di geo-tessuto. La lunghezza dei pannelli varia da 1 a 4 metri.

Per la sua posa occorre infiggere pali di sezione quadra, sempre in “durame di Erkki” le cui dimensioni devono essere calcolate in  base alla spinta del terreno (le dimensioni vanno da 5x5cm  a salire con lunghezze fino a 10 metri)

 

————————————————————————————-

N. 2 BANK BOARD –  PALI E PANNELLI ASSIEMATI

Bank Board Vada.jpg

Utilizzo: canali, laghi, dove si deve sostenere una spinta del terreno di circa 60 cm

Per la sua posa occorre infiggere pali di sezione quadra (in “durame di Ekki”) le cui dimensioni devono essere calcolate in base alla spinta del terreno (le dimensioni vanno da 5x5cm a salire con lunghezze fino a 10 metri).  I pali possono essere infissi verticalmente o inclinati di 15°, in funzione della spinta del terreno e dell’utilizzo di tiranti.

Le sezioni quadre dei pali devono essere calcolate (solitamente da 4 a 12 cm di lato per lunghezze da 3- 8 metri), come pure il “passo di posa” (normalmente un palo ogni 0,5 – 0,75 – 1,0 m). Successivamente deve essere creato un piano di appoggio su cui si vanno a posare i pannelli.

Questi,  vengono fissati ai pali con viteria in acciaio zincato a caldo o inox. Normalmente i pannelli hanno uno spessore di 2,5 cm e una altezza di 1,10m. , ma si possono realizzare pannelli di diversa altezza e possono essere fissati uno sopra l’altro per ottenere pannelli alti anche 2 m. o più.

Questo tipo di presidio di sponda è molto resistente e può essere utilizzato anche in presenza di sollecitazioni meccaniche importanti (strade realizzate su argini).

 

 

————————————————————————————-

 

N. 2 SHEETPILING –  PALANCOLE / PALANCOLATI

Tiranti PalancoleUtilizzo: E’ una vera banchina verticale; solida, resistente (può sopportare spinte del terreno molto elevate e stress meccanici).

Lo spessore delle palancole può arrivare anche a 10 cm con lunghezze di 10 metri. L’incastro tra le palancole è di tipo trapezoidale.  La slide show fornisce informazioni e spunti aggiuntivi

La foto è relativa alla parte che verrà poi ricoperta dal terreno. Altre immagini di palancole in Ekki sono visibili nella slide-show  a seguire.